Chiedi ai nostri consulenti

Compila questo modulo con tutte le informazioni richieste
Uno dei consulenti specializzati ti risponderà il prima possibile

Si prega di compilare il campo richiesto.
Si prega di compilare il campo richiesto.
Si prega di compilare il campo richiesto.
Si prega di compilare il campo richiesto.
Si prega di compilare il campo richiesto.
Si prega di compilare il campo richiesto.

Indennità di fine rapporto o Trattamento di fine rapporto?

Indennità di fine rapporto o Trattamento di fine rapporto?

Un Intermediario iscritto in sezione E del RUI ci chiede se potrebbe accedere al trattamento di fine rapporto o all’indennità di fine rapporto? Scopri il parere della nostra consulente, Dott.ssa Rita Crocitto.

Indennità di fine rapporto o Trattamento di fine rapporto?

Domanda:

Se un Intermediario iscritto in sezione E del RUI chiude la collaborazione con l'agenzia ha diritto ad una sorta di trattamento di fine mandato? E se sì, come viene effettuato il conteggio?

Risposta:

Il compenso che viene riconosciuto al termine dello svolgimento dell’attività lavorativa dell’intermediario, come dipendente, si chiama Trattamento di Fine Rapporto, mentre quello riconosciuto a coloro che svolgono l’attività quali collaboratori, ad esempio come iscritti in sezione E del RUI, ma non dipendenti, si definisce Indennità di Fine Rapporto.

Image

In assenza di specifiche indicazioni di legge o di accordi collettivi nazionali applicabili, l’Indennità di fine rapporto per i collaboratori non dipendenti viene generalmente calcolata ad opera del commercialista o delle associazioni di categoria (es. ULIAS per gli iscritti in sezione E), sulla base degli anni lavorativi svolti e del compenso mensile riconosciuto al collaboratore. Ciò è conseguenza del fatto che il contratto fra Intermediario principale - agente o broker e "collaboratore" – è un contratto "atipico" ovvero non espressamente disciplinato dal legislatore. Tale assenza di disciplina comporta la facoltà di inserire o meno in un contratto di collaborazione la clausola con la previsione "Indennità di fine rapporto".

Accade quindi che non a tutti i collaboratori venga riconosciuto tale diritto dall’intermediario principale per conto del quale opera, motivo per cui assume fondamentale importanza il contenuto dell’accordo sottoscritto dalle parti. Tuttavia, per completezza, segnaliamo però che, in relazione agli accordi di collaborazione fra agenti e/o broker con i loro rispettivi collaboratori, iscritti in sezione E del RUI, la recente giurisprudenza è intervenuta riconoscendo al collaboratore, il diritto ad un compenso quale Indennità di fine rapporto, anche in assenza di espressa previsione contrattuale. 

Image

In mancanza quindi di clausola di Indennità di fine rapporto nel contratto di collaborazione, se non si riesce a trovare una soluzione amichevole, sarà il giudice a decidere l’ammontare della stessa indennità.

Leggi anche su questo argomento:

Un Intermediario Assicurativo ha diritto di chiedere il TFR?

Come calcolare il trattamento di fine mandato per collaboratore sezione E?

Intermediario Sezione E: come calcolare l'indennità di fine rapporto?

Un broker ha diritto all'indennità di fine rapporto?

Image

Ultimi articoli

Image

Cosa Possiamo fare per te?

Skin ADV