Ucraina: nota sulle misure restrittive adottate dall’UE

Ucraina: nota sulle misure restrittive adottate dall’UE

Banca d’Italia, CONSOB, IVASS e UIF richiamano l’attenzione dei soggetti vigilati sul pieno rispetto delle misure restrittive decise dall’Unione europea in risposta alla situazione in Ucraina, con un provvedimento congiunto del 07 marzo 2022.

Ucraina: nota sulle misure restrittive adottate dall’UE

Il 23 febbraio, l'Unione Europea ha adottato un pacchetto di misure restrittive relative ad azioni che compromettono o minacciano l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina, tra le quali misure di congelamento di fondi e risorse economiche nei confronti di soggetti designati.

Le misure sono consultabili sui siti della Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, del Consiglio europeo, dell’Unità di Informazione Finanziaria – UIF e del Comitato di Sicurezza Finanziaria.

In particolare, la UE ha assunto anche specifici provvedimenti nei confronti di persone determinate inserite negli elenchi stilati dalla UE e di società russe, per attività e provenienza, in considerazione delle azioni della Russia che destabilizzano la situazione in Ucraina.

A tal fine, le società italiane sono state coinvolte a dare concreta e diretta applicazione a tali provvedimenti attraverso obblighi di comunicazione alle autorità di vigilanza di settore e in particolare nei confronti della UIF -Unità di Informazione Finanziaria, circa l'applicazione da parte loro delle restrizioni nei confronti dei destinatari delle sanzioni.

Uno degli ultimi provvedimenti comunitari coinvolge direttamente i vettori italiani stabilendo che "È vietato a qualsiasi aeromobile operato da vettori russi, anche in funzione di vettore commerciale che opera in base ad accordi di code-sharing o di blocked-space, a qualsiasi aeromobile immatricolato in Russia ovvero a qualsiasi aeromobile non immatricolato in Russia ma posseduto, noleggiato o altrimenti controllato da persona fisica o giuridica, entità o organismo russi, atterrare nel territorio dell'Unione, decollare dal territorio dell'Unione o sorvolare il territorio dell'Unione’", salvi i casi  di autorizzazione ad atterrare nel territorio dell'Unione o a sorvolare il territorio dell'Unione previo accertamento che tale atterraggio, decollo o sorvolo è necessario per scopi umanitari o per qualsiasi altra finalità analoga.

Articolo 3 quinquies, del Regolamento (UE) 2022/334 del Consiglio del 28 febbraio 2022 che modifica il Regolamento (UE) n. 833/2014, concernente le misure restrittive in considerazione delle azioni della Russia che destabilizzano la situazione in Ucraina.
IVASS invita le compagnie a consultare le FAQ della Commissione Europea relative alle sanzioni adottate a seguito dell'aggressione militare russa contro l'Ucraina, clicca qui

Ultimi articoli

Image

Cosa Possiamo fare per te?

Skin ADV