Nuovi diritti dei consumatori in materia di R.C. auto

Nuovi diritti dei consumatori in materia di R.C. auto

Il decreto “liberalizzazioni” contiene alcune norme in materia R.C. auto che attribuiscono ai consumatori nuovi diritti. L’IVASS ha chiarito alle compagnie di assicurazione alcuni aspetti attuativi delle nuove norme.

Scopri tutte le novità.

D.L. “liberalizzazioni”: nuovi diritti dei consumatori in materia di R.C. auto

Il decreto “liberalizzazioni” contiene alcune norme in materia R.C. auto che attribuiscono ai consumatori nuovi diritti. L’IVASS ha chiarito alle compagnie di assicurazione alcuni aspetti attuativi delle nuove norme.

In particolare:

Variazione in diminuzione automatica del premio in assenza di sinistri (Art. 34 bis)

La norma prevede che all’assicurato che non abbia provocato sinistri sia applicata, all’annualità successiva, una riduzione automatica del premio. L’IVASS ha chiarito che la norma va applicata secondo un meccanismo biennale di “scorrimento” e che la riduzione di premio, nel primo anno, non può essere compensata da eventuali aumenti di tariffa. La riduzione va indicata nel contratto in termini percentuali in modo da mettere l’assicurato nella condizione di verificarne agevolmente l’applicazione nell’anno successivo. La suddetta norma è già in vigore.

Ecco un esempio concreto di applicazione della norma:

  • il consumatore che pagava un premio di euro 500,00, in classe di merito 3, che deve rinnovare il contratto R.C. auto il 1° luglio 2012;
  • l’impresa è tenuta ad indicare nella polizza di rinnovo, in termini percentuali, la riduzione di premio di cui beneficerà l’assicurato alla scadenza del 1° luglio 2013, in caso di assenza di sinistri. Le condizioni contrattuali (o apposite appendici) devono prevedere in caso di passaggio dalla classe 3 alla classe 2 la corrispondente riduzione percentuale (ad esempio una riduzione del 5% del premio), percentuale che deve essere chiaramente indicata;
  • il 1° luglio 2013 il consumatore che non ha provo cato sinistri dovrà pagare euro 475,00 (500 euro meno 25 euro di riduzione, pari al 5%);
  • al momento del pagamento della nuova annualità (1° luglio 2013) l’impresa, oltre a riconoscere la riduzione concordata, dovrà indicare, se del caso, che alla successiva scadenza contrattuale (1° luglio 2014) il premio po trà variare in relazione al mutato fabbisogno tariffario. Il consumatore, conoscendo la misura del nuovo premio con almeno 30 giorni di anticipo (ai sensi del Regolamento ISVAP n. 4/2006), potrà ricercare coperture più convenienti.
  • al 1° luglio 2014 l’assicurato pagherà il nuovo premio e avrà diritto di conoscere quale sarà la riduzione automatica del premio al 1° lugli o 2015, e così via.

Polizze con “scatola nera” - Art. 32, comma 1

La norma prevede che, nel caso in cui l’assicurato acconsenta all’installazione sul proprio veicolo della scatola nera o dispositivi similari, le imprese devono applicare una riduzione significativa di premio e che tutti i relativi costi sono a carico delle imprese. La norma comporta l’obbligatorietà per le imprese di offrire polizze con scatola nera, ma non è ancora operativa. Lo sarà dopo l’emanazione del regolamento attuativo che l’IVASS sta predisponendo insieme al Ministero dello Sviluppo Economico e al Garante Privacy (termine previsto dal decreto liberalizzazioni: 25 giugno 2012). Dopo il regolamento, il consumatore avrà diritto di pretendere in agenzia e presso le imprese telefoniche/internet una polizza con scatola nera.

Valutazione medico legale delle lesioni di lieve entità

Sono cambiate le norme sulla risarcibilità dei danni alla persona di lieve entità (fino al 9% di invalidità permanente), con l’obiettivo di limitare i risarcimenti per “colpi di frusta” inesistenti. Attenzione però al comportamento dell’impresa nel trattamento del danno permanente e del danno temporaneo: l’impresa può richiedere che il danno biologico permanente venga valutato dal medico legale attraverso un accertamento clinico strumentale obiettivo (ad esempio lastre, risonanza magnetica, ecc.). Il danno biologico temporaneo, cioè i giorni di inabilità temporanea assoluta o relativa, invece, può essere accertato dal medico legale anche solo “visivamente”, cioè senza necessità di accertamenti strumentali.

Cosa fare se l’impresa non applica le nuove norme

Se le imprese di assicurazioni (agenzie o centri liquidazione sinistri) non applicano le nuove norme il comportamento va segnalato all’IVASS, chiamando il Contact Center Consumatori al numero verde 800486661 dal lunedi al venerdi dalle 9 alle 13.30 o inviando un reclamo scritto : IVASS, Via del Quirinale, 21 - 00187 Roma - fax 06.42.133.745 o 06.42.133.353.

Potrebbe interessarti:

---> Sezione Consumatori

---> Guida Reclami IVASS

---> Glossario Assicurativo

 

Ultimi articoli

Image

Cosa Possiamo fare per te?

Skin ADV